Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Il governo estende il tentativo di conciliazione obbligatoria su tutte le controversie in materia civile e commerciale.
Articolo pubblicato online il 26 settembre 2008

di Francesco Pagano
Stampare logo imprimer

Il Governo delegato ad adottare decreti legislativi in materia di conciliazione in ambito CIVILE e COMMERCIALE, decreti che si vanno a quelli gia esistenti che prevedono l’obbligatoriet della conciliazione in tema di diritto societario.

Nell’esercizio della delega fra i tanti principi e criteri da seguire c’ quello di disciplinare la conciliazione/mediazione, nel rispetto delle norme comunitarie, anche attraverso l’estensione delle disposizioni di cui al decreto legislativo 17 gennaio 2003 n. 5 (conciliatori specializzati attraverso corsi formativi iscritti in organismi di conciliazione vigilati dal Ministero di Giustizia).

Dunque, saranno gli Organismi di Conciliazione sorvegliati dal Ministero della Giustizia che daranno una mano ai Giudici, nel limitare i danni dovuti ai tempi lunghi per avere giustizia. Infatti, i conciliatori specializzati, dovranno concludere al massimo entro 4 mesi la conciliazione.

Il cittadino, ora non potr pi lamentarsi della lungaggine dei processi civili e commerciali logorandosi, nell’attesa della conclusione del procedimento, perch oltre al tempo breve della conciliazione, sono previste esenzioni per spese di giustizia e se, il provvedimento che chiude il processo corrisponde interamente al contenuto dell’accordo, proposto in sede di procedimento di conciliazione, il giudice pu escludere la ripetizione delle spese sostenute dal vincintore che ha rifiutto l’accordo. Successivamente alla proposta dello stesso, pu condannare la parte che ha fatto fallire la conciliazione, altres, e nella stessa misura, alle spese sostenute dal soccombente, salvo quanto previsto dagli articoli 92 e 96 del codice di procedura civile, e inoltre, che possa condannare il vincitore al pagamento di una ulteriore somma a titolo di contributo unificato ai sensi dell’art. 9 del decreto legislativo 30 maggio 2002 n. 115.

Altra norma, molto interessante a favore dei cittadini, quella che prevede il dovere dell’avvocato, disciplinarmente sanzionabile, di informare il cliente prima dell’instaurazione del giudizio o nel corso di esso, con prospetto scritto, di tutte le possibilit conciliative, inclusa quella di ricorrere agli organismi di conciliazione.

I Decreti di riforma del processo civile saranno, molto probabilmente inseriti nei ddl alla manovra finanziaria.

Dr. Giovanni Pecoraro*



Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33