Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Sentenza Corte Costituzionale: illegittimit canone di depurazione.
Articolo pubblicato online il 16 ottobre 2008

di Francesco Pagano
Stampare logo imprimer

La Corte Costituzionale con la sentenza n 335 dell’11/10/2008 ridisegna, il rapporto tra aziende di servizio e consumatori. Il Giudizio ha avuto ad oggetto il contestato canone di depurazione, stabilendo il principio, che, nei se nel Comune di residenza non sono attivi depuratori per le acque reflue, la quota della bolletta destinata alla depurazione non deve essere pagata dai cittadini.

La Corte Costituzionale, chiamata a giudicare la legittimit del pagamento della quota di depurazione nelle bollette dell’acqua, a seguito del ricorso presentato da un cittadino contro le somme versate alla azienda di erogazione della fornitura idrica per un servizio non reso, ha dichiarato l’illegittimit costituzionale dell’art. 14, comma 1, legge 5 gennaio 1994, n. 36 (Disposizioni in materia di risorse idriche), sia nel testo originario, sia nel testo modificato dall’art. 28 della legge 31 luglio 2002, n. 179 (Disposizioni in materia ambientale), nella parte in cui prevede che la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione dovuta dagli utenti anche nel caso in cui la fognatura sia sprovvista di impianti centralizzati di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi; ha dichiarato, altres, ai sensi dell’art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87, l’illegittimit costituzionale dell’art. 155, comma 1, primo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale), nella parte in cui prevede che la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione dovuta dagli utenti anche nel caso in cui manchino impianti di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi.

Nella fattispecie la Corte ha stabilito che la quota in questione richiesta sinora a tutti gli utenti della fornitura idrica, a seguito della sentenza della Cassazione n. 96 del 04/01/2005, non configura una tassa ma il corrispettivo di un servizio il quale, nei casi in cui manchino gli impianti, non viene erogato. Tutto ci viola l’articolo 3 della Costituzione in quanto discrimina chi paga la tariffa senza ricevere in cambio il servizio.
Alla luce della presente pronuncia la Federcontribuenti, tramite i propri uffici, sin da subito chieder chiarimenti alla Gesesa di Benevento, in merito al versamento del canone di depurazione, insieme a tutti gli strumenti idonei all’eventuale recupero delle somme ingiustamente versate dagli utenti alla voce quota depurazione e fognature, nei comuni in cui non vi sono i relativi impianti.

A tal fine la Federcontribuenti ha attivato una linea di consultazione diretta con i cittadini, che potranno inviare messaggio di posta elettronica, all’indirizzo federcontribuentibn@interfree.it, i contribuenti saranno tutti ricontattati.


freccia Sul web : Fonte


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33