Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Critica alla circolare ANCI-IFEL del 02/03/2010
Articolo pubblicato online il 7 marzo 2010

di Maurizio Villani
Stampare logo imprimer
Il presente commento si considera un'integrazione dell'articolo "LA TARSU NON ESISTE PI DALL' 01/01/2010" del 03 marzo 2010, da noi redatto e pubblicato sul nostro sito (www.studiotributariovillani.it).

L'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), in data 02/03/2010 ha emanato la Circolare Esplicativa- Tariffa Igiene Ambientale, nella quale chiarisce il proprio orientamento per quanto attiene la disciplina applicabile in materia di servizio di raccolta dei rifiuti, in relazione alle, oramai,  prossime approvazioni dei bilanci di previsione da parte dei Comuni.
L'interpretazione sostenuta dall'ANCI nella Circolare appena citata, si pone in netto contrasto con quanto da noi sostenuto nell'articolo "LA TARSU NON ESISTE PI DALL'01/01/2010" del 03/03/2010.
Esponiamo, quindi, le ragioni della nostra critica.
La Circolare ANCI non solo non chiarisce affatto il problema, ma contribuisce a creare confusione, per i seguenti motivi:
A)        Innanzi tutto, viene ribadita, all'interno dell'atto, la totale mancanza di un provvedimento normativo statale che chiarisca il quadro legislativo vigente, a conferma di quanto da noi sostenuto circa il fatto che manchi, a tutt'oggi, una legge specifica che proroghi per il 2010 il regime della Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU). Inoltre, la stessa Associazione si impegna per l'emanazione di un provvedimento di legge chiarificatore e semplificatore, condizione comunque essenziale, per un'applicazione, pur transitoria, ma certa ed uniforme del prelievo sul servizio rifiuti.
Non bisogna dimenticare, tuttavia, il chiaro dettato della Carta Costituzionale. Infatti, ai sensi dell'art. 23 della Costituzione "nessuna prestazione personale o patrimoniale pu essere imposta se non in base alla legge". Infatti, in materia fiscale, un tributo, quale indubbiamente la TARSU, deve essere previsto da una legge specifica e non pu assolutamente essere applicato sulla base di semplici regolamenti comunali o atti amministrativi.
Quindi, emerge, ancora una volta, la fondatezza di quanto scritto nel nostro articolo: infatti, mancando una norma specifica, la TARSU non pu essere applicata, a partire dal 01/01/2010!
B)        Inoltre, la stessa Circolare ANCI ha ribadito che il legislatore intervenuto per 3 anni di seguito ( per il 2007, per il 2008 e per il 2009) a bloccare la possibilit di passaggio da un regime all'altro, in particolare dal regime TARSU a quello TIA, legittimando cos la loro coesistenza. Ancor pi, quindi, l'omissione da parte del legislatore per quanto attiene la proroga anche per il  2010 della TARSU, gi di per s eloquente e di facile interpretazione.
Questo conferma, nuovamente, non solo che il regime transitorio venuto meno a partire dal 31/12/2009, ma anche che per l'anno 2010 nulla previsto a livello legislativo e pertanto nulla risulta essere applicabile (v. art. 23 Costituzione, punto A).
C)        Al fine di un ulteriore chiarimento, il tanto discusso terzo comma dell'art. 8 D.L. n. 194 del 2009 si riferisce esclusivamente al differimento al 30/06/2010 del termine ultimo per l'emanazione del regolamento di attuazione del solo Codice dell'Ambiente. Questo non ha alcuna conseguenza sulla esistenza o meno della TARSU nel sistema normativo vigente. Comporta, invece, soltanto che, in assenza di un regolamento di attuazione, il Codice dell'Ambiente, continua ad essere inapplicabile, e che, pertanto, i Comuni dovranno (e NON potranno) applicare esclusivamente la TIA, come disciplinata dal D.Lgs. n. 22 del 1997 (c.d. Decreto Ronchi), in quanto dall' 01/01/2010 tale disciplina l'unica in vigore e, quindi, applicabile (essendo venuta a mancare la disciplina della TARSU).
D)        Infine, non affatto vero che i due regimi, quello della TARSU e quello della TIA, a partire dalla data 01/01/2010, possano coesistere, poich, allo scopo di una tale coesistenza, sarebbe necessaria una precisa norma specifica che proroghi la TARSU, e che, invece, al momento non esiste. In assenza della suddetta norma, la TARSU legislativamente decaduta al 31/12/2009, venendo meno, cos, qualsiasi possibilit di coesistenza con la TIA del Decreto Ronchi.

In conclusione, si continua a sostenere quanto da noi scritto nell'articolo "LA TARSU NON ESISTE PI DALL'01/01/2010" del 03/03/2010 , al quale si fa rinvio per quanto riguarda l'approfondimento della problematica e le relative fonti normative E SI CONTESTA, PER I MOTIVI APPENA SPIEGATI, LA CIRCOLARE ESPLICATIVA ANCI-IFEL DEL 02/03/2010.
Lecce, 04/03/2010
                                                        Avv. Maurizio Villani
                                                        Dott.ssa Stefania Attolini
Downloads File da inviare:
  • Circolare_Tariffa_Igiene_Ambientale1.pdf
  • 124.4 Kb / PDF


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33