Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Processo tributario - cancellata la sospensiva breve
Articolo pubblicato online il 16 luglio 2010

di Maurizio Villani
Stampare logo imprimer

Il Senato ha approvato il maxi emendamento alla Manovra finanziaria cancellando l’assurda normativa che voleva limitare a soli 150 giorni la sospensione degli atti e delle cartelle esattoriali nel processo tributario.
In sostanza, sono state accolte le proteste dei professionisti e delle organizzazioni imprenditoriali, che avevano pi volte criticato la modifica legislativa che favoriva soltanto il Fisco violando i diritti del contribuente.
La suddetta modifica, infatti, anche con la previsione di allungare i termini a 300 giorni, era assolutamente irrazionale, in quanto rimetteva l’effettivit della tutela cautelare al rispetto, da parte del giudice, di termini semplicemente ordinatori.

Inoltre, la suddetta modifica violava l’art. 24 della Costituzione perch impediva al contribuente una ponderata fase istruttoria, dovendo accelerare il corso del processo tributario, che in media ha una durata di 734 giorni, come risulta da uno studio del Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria.

da accogliere, quindi, con soddisfazione l’intervenuta soppressione del comma 9 dell’art. 38 del D.L. n.78 del 31/05/2010.
Questo fatto, per, deve ancor pi far riflettere sulla necessit ed urgenza di una seria ed organica riforma del processo tributario, che non deve pi essere gestito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che una delle parti in causa, ma deve essere gestito da un organismo terzo, quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri o il Ministero di Giustizia, che non certo hanno interesse a mortificare e limitare i diritti di difesa del cittadino contribuente.

Infatti, se fosse passata la suddetta modifica normativa, il contribuente sarebbe stato costretto a pagare in ogni caso con il rischio, in caso di accoglimento del proprio ricorso, di ottenere dopo molti anni l’agognato rimborso.

, quindi, importante che la situazione sia tornata come prima, con la sospensione valida sino a tutto il giudizio di primo grado, e ci conferma la necessit di non abbassare mai la guardia quando il Fisco intende modificare le norme processuali.

Infine, auspicabile che anche la Camera dei Deputati approvi definitivamente la suddetta soppressione e di ci non dovrebbero esserci dubbi, tenuto conto che il Governo intende porre la fiducia.



Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33