Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Esecuzione delle sentenze da parte dell’amministrazione finanziaria
Articolo pubblicato online il 22 ottobre 2010

di Studio legale tributario Leo
Stampare logo imprimer

Rimborsi. esecuzione delle sentenze emesse nei giudizi tributari da parte dell’amministrazione finanziaria. chiarimenti forniti dalla circolare n. 49/e dell’agenzia delle entrate

L’Agenzia delle Entrate con la sua circolare fornisce le istruzioni ed enuncia i principi che devono essere osservati dall’Amministrazione finanziaria in tema di esecuzione delle sentenze emesse nei giudizi tributari.

Chiarisce che l’esecuzione delle sentenze assolve a due funzioni primarie:
- presidiare l’effettivit dell’obbligazione tributaria;
- garantire l’integrit patrimoniale del contribuente.

A tutela di ci vi l’obbligo, in capo agli Uffici, di dare esecuzione alle sentenze, indipendentemente dal loro contenuto, favorevoli o sfavorevoli che siano all’Amministrazione finanziaria.

L’Amministrazione, quindi, cos come deve provvedere al recupero delle somme in caso di sentenza favorevole alla stessa, in egual modo deve effettuare i rimborsi che, in base a sentenza, spettano ai contribuenti.
La normativa applicabile in tema di rimborsi il d.lgs 546/1992, in particolare gli art. 68, comma secondo, e 69.

Le sentenze hanno infatti trattamento differenziato a seconda del tipo di controversia oggetto di decisione.
Si applicher quindi l’art. 68, comma 2, del d.lgs. 546/1992 con riguardo a controversie aventi ad oggetto:
- avvisi di accertamento;
- avvisi di liquidazione;
- provvedimenti che irrogano sanzioni;
- iscrizioni a ruolo.

In tal caso per dare esecuzione ai provvedimenti giudiziari non occorre attendere la notifica della sentenza favorevole al contribuente, n alcuna specifica richiesta o sollecito, ma devono essere restituite le somme versate in eccedenza entro novanta giorni dalla comunicazione del dispositivo della sentenza da parte della Segreteria della Commissione tributaria all’Ufficio.

Tale obbligo riferito alle sentenze delle Commissioni Tributarie Provinciali, ma si ritiene che lo stesso si estenda anche alle Commissioni Regionali e alla Commissione Tributaria Centrale.

L’art. 69 del d.lgs. 546/1992 si applica invece nei casi di giudizi concernenti il diniego espresso o tacito alla restituzione di tributi e relativi accessori, pagati spontaneamente, ossia non in conseguenza della notifica di atti autonomamente impugnabili.
L’art. 69 obbliga l’Amministrazione ad effettuare il rimborso soltanto in esecuzione di sentenze passate in giudicato.

L’Agenzia per di pi chiarisce che qualora la stessa abbia riconosciuto, in pendenza di causa la spettanza del rimborso, deve di conseguenza provvedervi sollecitamente, con abbandono del contenzioso in ogni stato e grado del giudizio, anche in assenza di sentenza.

Sottolinea inoltre che tali rimborsi derivanti da provvedimenti dell’Autorit giudiziaria devono essere eseguiti in via prioritaria rispetto ad altre tipologie di rimborsi spettanti ai contribuenti a diverso titolo, al fine di evitare giudizi di ottemperanza o procedure di esecuzione forzata con aggravio di spese e lavoro a carico degli Uffici.



Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33