Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Assolutamente ingiusta l’entit della sanzione all’incolpevole cliente del "professionista-docente universitario"
Articolo pubblicato online il 19 dicembre 2011

di Maurizio Villani
Stampare logo imprimer
Di recente la Guardia di Finanza ha condotto un'attivit ispettiva volta a sanzionare coloro che, avendo affidato un incarico professionale retribuito ad un professionista che ricopre, altres, il ruolo di docente universitario a tempo pieno, hanno conferito il suddetto incarico senza la previa autorizzazione dell'amministrazione di appartenenza del pubblico dipendente, contrariamente a quanto previsto dalla normativa vigente.
In particolare, le violazioni contestate dalla Guardia di Finanza attengono ai commi 9 e 11 dell'art. 53 del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165:
1)        l'aver conferito l'incarico retribuito al professore universitario senza la previa autorizzazione dell'amministrazione di appartenenza (nello specifico l'Universit);
2)        l'aver omesso di comunicare all'amministrazione nei termini di legge (30 aprile di ciascun anno) i compensi erogati al docente universitario nell'anno precedente.
A seguito di tale attivit ispettiva, i "malcapitati" clienti del professionista-docente universitario si sono cos visti notificare un verbale di contestazione con l'irrogazione di una sanzione pari al doppio del compenso corrisposto al professionista, con la possibilit di presentare entro 30 giorni scritti difensivi e documenti o di pagare entro 60 giorni un terzo della sanzione prevista per la violazione: ebbene, a parere di chi scrive, in considerazione dell'effettiva violazione commessa e, in particolare, in considerazione dell'esimente dell'incolpevole errore sul fatto, trattasi di una sanzione quanto mai ingiusta e del tutto esorbitante.
Premesso che nei casi oggetto di contestazione da parte della G.d.F., l'autorizzazione, diversamente da quanto sostenuto a verbale, era stata richiesta (magari sovente dopo il conferimento dell'incarico, ma pur sempre legittimamente secondo la c.d. formula "ora per allora" che vige in tutti i settori dell'ordinamento amministrativo italiano), ci che preme in questa sede sottolineare l'incolpevolezza del cliente che affida l'incarico al professionista-docente universitario.
Ed infatti, l'art. 3 della Legge 24 novembre 1981, n. 689 mentre al 1 comma stabilisce che << Nelle violazioni cui applicabile una sanzione amministrativa ciascuno responsabile della propria azione od omissione, cosciente e volontaria, sia essa dolosa o colposa>>, al 2 comma prescrive espressamente che << Nel caso in cui la violazione commessa per errore sul fatto, l'agente non responsabile quando l'errore non determinato da sua colpa>>, prevedendo, quindi un'esclusione della responsabilit dell'agente nell'ipotesi in cui l'infrazione sia stata commessa per "errore sul fatto" non determinato da colpa del soggetto attivo.
In sostanza, con siffatta disposizione, l'intenzione del legislatore della depenalizzazione stata quella di eliminare dall'ambito dell'ordinamento amministrativo qualsivoglia responsabilit oggettiva, mediante la previsione della buona fede e dell'errore incolpevole quali cause di non punibilit dell'illecito amministrativo; da tanto ne discende che, anche per la configurabilit dell'illecito amministrativo, si ritiene necessario che nella condotta dell'agente si possano ravvisare quantomeno gli estremi della colpa, in termini di negligenza o imprudenza.
Ebbene, alla luce della richiamata normativa, appare del tutto evidente come anche al caso de quo possa applicarsi l'esimente dell'incolpevole errore sul fatto: non c' dubbio, infatti, che il soggetto privato che conferisce l'incarico al professore universitario, lo conferisce in virt dell'attivit del professionista in quanto tale (avvocato, ingegnere, commercialista ...), non ponendosi di certo la questione della qualifica di dipendente pubblico dell'affidatario, e tantomeno di dipendente pubblico a tempo pieno, stante l'assoluta indifferenza di tale qualifica ai fini sia del conferimento dell'incarico che del suo svolgimento.
Inevitabile corollario che, una volta accertato che la condotta del soggetto che conferisce l'incarico priva di dolo e tantomeno di colpa, viene indubbiamente ad operare nei suoi confronti l'esimente dell'incolpevole errore sul fatto.
Lecce, 16 dicembre 2011
Avv. Maurizio Villani
Avv. Alessandra Rizzelli


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33