Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Intervento volontario dell’assicuratore del danneggiato
Articolo pubblicato online il 9 gennaio 2012

di Claudio Silvis
Stampare logo imprimer

Intervento volontario dell’assicuratore del danneggiato ed altre questioni in tema di indennizzo assicurativo per danni da circolazione di veicoli notazioni critiche a Tribunale di Milano, sentenza 28 ottobre 2011 n. 13052.

1. Cenni introduttivi sulla procedura del risarcimento diretto introdotta dall’art. 149 del Codice delle Assicurazioni Private.

In tema di assicurazione obbligatoria contro i danni provocati dalla circolazione di veicoli, il danneggiato, di regola, chiede l’indennizzo alla compagnia assicuratrice del veicolo responsabile del danno, chiamandola in causa ove non soddisfi la richiesta.

Tuttavia, in alcuni casi, l’art. 149 del D.L.gs. 29/2005 (Codice delle Assicurazioni Private), prevede che << i danneggiati devono rivolgere la richiesta di risarcimento all’impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato>> (comma 1, art. cit.).

Quando trova applicazione la speciale procedura indennitaria prevista dall’art. 149 C.A.P. (c.d. del "risarcimento diretto"), l’indennizzo grava economicamente sulla compagnia del responsabile civile, ma liquidato e corrisposto dalla compagnia del danneggiato (che ha diritto al corrispondente rimborso da parte di quella del responsabile).

Per regolare i reciproci rapporti organizzativi ed economici originati dal sistema del risarcimento diretto, le imprese assicurative, in attuazione di quanto disposto dall’art. 150 C.A.P., hanno stipulato una "Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto" (CARD). La CARD comporta, da parte delle imprese sottoscrittrici, l’assunzione della "veste [...] di Gestionaria, quando il risarcimento viene effettuato, in tutto o in parte, per conto dell’impresa assicuratrice del veicolo civilmente responsabile del sinistro" ovvero "di Debitrice, quando i danni provocati dal proprio assicurato responsabile vengono risarciti per suo conto da un’altra impresa che avr diritto ad essere rimborsata secondo la quota di responsabilit attribuibile al proprio assicurato".

Se la richiesta d’indennizzo non va a buon fine, il comma 6 dell’art. 149 C.A.P. stabilisce che <>, ma l’impresa di assicurazione del veicolo del responsabile, <>.

Fino al 2009, la disposizione appena richiamata stata intesa nel senso che l’eventuale causa promossa dal danneggiato per conseguire l’indennizzo negato dal proprio assicuratore dovesse essere intentata sempre e solo contro quest’ultimo, essendo preclusa al danneggiato la possibilit di citare l’impresa assicuratrice del responsabile civile del sinistro (ferma restando la facolt di questa di intervenire nel processo e chiedere l’estromissione dell’altra compagnia).

2. L’intervento interpretativo svolto dalla Corte costituzionale con la sentenza n.180/2009

Con la sentenza n.180/2009, la Corte costituzionale ha operato una sorta di parziale rivoluzione copernicana nell’ambito del sistema delineato dall’art.149 C.A.P., escludendo che il comma 6 di detto articolo (quello che individua il soggetto assicurativo contro cui deve essere promossa l’azione giudiziale) possa essere interpretato pena la relativa incostituzionalit nel senso di precludere al danneggiato la possibilit di agire contro l’assicuratore del responsabile civile, dovendo la norma essere necessariamente intesa nel senso, costituzionalmente compatibile, che il danneggiato pu scegliere se agire contro il proprio assicuratore oppure contro quello del responsabile civile (oltre che contro la persona stessa del responsabile civile) al fine di vedere l’uno o l’altro condannati a corrispondergli quanto gli spetta a titolo di ristoro del danno subito.

La pronuncia interpretativa del Giudice delle leggi ha infranto la simmetria che l’art. 149 C.A.P. sembrava istituire, fra la fase della trattativa fra danneggiato e soggetto assicurativo per la liquidazione dell’indennizzo e la successiva fase giudiziale, sotto il profilo della unicit del soggetto assicurativo al quale il danneggiato doveva indirizzare la richiesta indennitaria e contro cui avrebbe dovuto agire in caso di mancato riscontro da parte dell’assicuratore interpellato.

Il sentenziato venire meno dell’omogeneit fra le due fasi della vicenda sul predetto versante soggettivo ha fatto s che l’interposizione ope legis dell’assicuratore del danneggiato fra il proprio cliente e l’assicuratore del responsabile civile operi solo nella fase della trattativa stragiudiziale; fallita tale fase, ove la vicenda debba proseguire in sede giudiziaria, non pi la legge ad imporre al danneggiato come unico contraddittore processuale il proprio assicuratore, ma lo stesso danneggiato a scegliere se citare quel soggetto in luogo della compagnia assicuratrice del responsabile civile o viceversa.

3. Le questioni esaminate dal Tribunale di Milano

L’asimmetria creatasi per effetto della pronuncia della Consulta stata ed fonte di varie problematiche di ordine sostanziale e processuale.

La sentenza del Tribunale di Milano n. 13052/2011, riportata in calce, merita di essere segnalata in quanto affronta talune delle suddette problematiche, giungendo a soluzioni dissonanti rispetto al prevalente indirizzo seguito dal resto dei giudici di merito.

Nel caso deciso, il danneggiato in un sinistro automobilistico aveva diretto la richiesta di indennizzo non alla propria assicurazione, ma a quella del responsabile civile. Quest’ultima, opposta la propria incompetenza a provvedere a mente del comma 1 dell’art. 149 C.A.P., non aveva dato seguito alla richiesta, invitando l’interessato a rivolgersi alla propria assicurazione. Il danneggiato, tuttavia, non interpellava la propria compagnia, ma conveniva direttamente in giudizio quella del responsabile in quanto inadempiente all’obbligo indennitario, affinch fosse condannata ad adempiere. Rimasta contumace l’impresa convenuta, interveniva nel processo quella del danneggiato, la quale, chiedendo al giudice di considerare ammissibile il proprio intervento, lo sollecitava a respingere la domanda del danneggiato per avere lo stesso rivolto la richiesta indennitaria ad impresa assicuratrice non competente ad esaudirla secondo l’art. 149, comma 1, C.A.P.

Il Tribunale adto: 1) giudicava ammissibile l’intervento litisconsortile spiegato della compagnia del danneggiato; 2) respingeva l’eccezione di merito con cui la compagnia intervenuta chiedeva la reiezione della domanda attorea per l’adempimento dell’obbligo indennitario, sul presupposto che il danneggiato, contrariamente a quanto sostenuto dall’impresa intervenuta, non aveva l’obbligo di chiedere ad essa impresa l’indennizzo, potendo interpellare in proposito anche l’assicuratore del responsabile civile, vuoi congiuntamente vuoi in alternativa alla propria compagnia assicuratrice.

A) Le ragioni della ravvisata ammissibilit dell’intervento volontario litisconsortile da parte dell’assicuratore de danneggiato.

Con riferimento alla divisata ammissibilit dell’intervento litisconsortile dell’assicurazione del danneggiato, la sentenza rinviene la condizione legittimante di tale iniziativa processuale nel fatto che l’assicuratore del danneggiato sarebbe debitore in solido, con quello del responsabile civile, della somma costituente il petitum sostanziale della domanda.

Secondo giurisprudenza consolidata, infatti, la posizione di obbligato in solido di un soggetto giustifica, sul piano dell’interesse e della legittimazione, l’intervento volontario litisconsortile di quel soggetto nel giudizio promosso contro il condebitore solidale.

Nel caso di specie, la posizione della compagnia del danneggiato di obbligato in solido verso il relativo cliente rinverrebbe la propria fonte nella "Convenzione fra Assicuratori per il Risarcimento Diretto" (CARD), della quale si gi detto al par. 1. Tale convenzione secondo l’estensore della sentenza assumerebbe la fisionomia di un atto negoziale concluso fra imprese assicurative, con cui le imprese che di volta in volta assumono la veste di assicuratore del responsabile civile delegano ad indennizzare, in modo preventivo e permanente, le imprese che di volta in volta assumono la veste di assicuratore del soggetto creditore dell’indennizzo.

Per il Tribunale ambrosiano, il rapporto tra le due compagnie assicuratrici, cos come regolato dalla CARD, configurerebbe una fattispecie di delegazione (passiva) cumulativa di cui all’art. 1268 c.c.: all’assicurazione del danneggiante (debitore delegante) si aggiungerebbe quella del danneggiato (terzo delegato), quale ulteriore debitrice per l’indennizzo dello stesso danneggiato (creditore delegatario); nell’assunto del giudice lombardo, l’assicurazione del danneggiato diviene, proprio in quanto delegata a provvedere alla liquidazione dell’indennizzo dall’altra compagnia in forza della C.A.R.D., obbligata in solido verso il proprio cliente di quanto il giudice dovesse riconoscergli a titolo indennitario.

Pi precisamente, poich il terzo delegato assume la qualit di obbligato in solido col debitore delegante solo dopo che esso delegato abbia reso noto al creditore delegatario di voler adempiere l’obbligo del delegante in sua vece, nella fattispecie l’assunzione della qualit di obbligato in solido all’indennizzo da dell’assicuratore del danneggiato avverrebbe nel momento stesso in cui quegli formalizza la domanda di interventovolontario; , infatti, con questo stesso atto processuale che l’assicuratore del danneggiato renderebbe noto all’attore-creditore delegatario (il danneggiato) l’impegno di soddisfare, in luogo del debitore principale convenuto (assicuratore del responsabile civile), il credito che sar eventualmente riconosciuto dal giudice allo stesso attorecreditore delegatario.

B) Le ragioni della ravvisata possibilit del danneggiato di chiedere l’indennizzo all’assicuratore del responsabile civile anche nella fase stragiudiziale della trattativa per la liquidazione dell’indennizzo.

Relativamente all’altra questione, ossia la richiesta reiezione della domanda del danneggiato formulata dalla compagnia intervenuta per avere lo stesso indirizzato la richiesto d’indennizzo all’altra compagnia, non competente ad evaderla ai sensi dell’art. 149, co.1, C.A.P., il Tribunale motiva la decisione di non respingere la domanda del danneggiato, assumendo che la sentenza interpretativa della Corte costituzionale n. 180/2009 , bench si riferisca alla sola fase giudiziale della vicenda indennitaria presa in considerazione dal comma 6 dell’art. 149 C.A.P., non pu non riguardare anche l’anteriore fase stragiudiziale, disciplinata dal comma 1 di quell’articolo; con la giuridica conseguenza tratta dal Tribunale in parola che il danneggiato, cos come non pu ritenersi costretto ad agire in giudizio unicamente contro il proprio assicuratore inadempiente alla richiesta d’indennizzo, non pu neppure ritenersi costretto, durante l’anteriore fase della trattativa, ad avere quale unico interlocutore il proprio assicuratore per la liquidazione dell’indennizzo, essendo invece necessario attribuire anche al comma 1 dell’art. 149 C.A.P. il significato per cui al danneggiato data facolt di chiedere l’indennizzo anche all’assicuratore del responsabile civile

4. Conclusioni in chiave critica sulle soluzioni date dalla sentenza alle questioni affrontate.

La decisione del giudice territoriale attenzionata certamente degna di apprezzamento per lo sforzo compiuto nella direzione di superare le notevoli problematiche d’ordine ermeneutico ed applicativo generatesi nel sistema del risarcimento diretto all’indomani della sentenza della Corte costituzionale n. 180/2009.

Tuttavia, le soluzioni individuate appaiono discutibili.

A) Sull’ammissibilit dell’intervento litisconsortile da parte dell’assicurazione del danneggiato

Ci che ha condotto il Tribunale ambrosiano a ritenere ammissibile l’intervento volontario litisconsortile spiegato dall’assicuratore del danneggiato l’esistenza di un atto negoziale intervenuto fra l’assicurazione del danneggiato e quella del danneggiante (la C.A.R.D.). Con tale accordo le imprese assicuratrici avrebbero regolato i reciproci rapporti secondo lo schema della delegatio promittendi: l’assicuratore del danneggiato avrebbe assunto, in via preventiva e permanente, la qualit di delegato della compagnia del responsabile civile ad assumere su di s, pro futuro, la generalit dei debiti indennitari gravanti su questa.

In disparte ogni considerazione sulla idoneit della C.A.R.D. a generare una fattispecie di delegazione di debito piuttosto che di accollo cumulativo, appare difficile non obiettare che, in realt, quando il danneggiato agisce contro l’assicuratore del responsabile civile, non vi sono margini per riconoscere rilevanza sul piano processuale ad ipotetici accordi fra la compagnia del responsabile civile e quella del danneggiato, in base ai quali la seconda impegnata nei confronti della prima ad accollarsi i relativi debiti indennitari.

Quando il danneggiato opta di convenire in giudizio l’assicurazione del responsabile civile anzich la propria, ritenere che un siffatto accordo fra le imprese assicuratrici possa determinare una modificazione del contraddittore processuale prescelto dal danneggiato significa porre nel nulla la facolt del danneggiato di scegliere il proprio contraddittore processuale, facolt a lui riservata dal comma 6 dell’art. 149 C.P.A. come interpretato dalla pi volte ricordata sentenza della Corte costituzionale.

Oltretutto, se vero (com’ vero) che il comma 6 dell’articolo appena citato non consente al danneggiato di convenire in giudizio entrambe le compagnie assicuratrici, imponendogli di agire nei confronti dell’una o dell’altra, non si comprende per quale ragione dovrebbe, invece, permettersi alle stesse compagnie di stabilire, di comune accordo, la compartecipazione di quella del danneggiato nel giudizio promosso contro quella del responsabile civile.

Per altro verso, appare fortemente dubbio che dalla C.A.R.D. possa venire alla compagnia del danneggiato quella posizione che, secondo la sentenza in disamina, giustifica l’interesse e la legittimazione ad intervenire della compagnia del danneggiato, ossia l’acquisto, da parte di questa, della qualit di debitore in solido del proprio cliente assieme all’altro assicuratore, debitore principale.

La C.A.R.D., invero, non riflette la mutua volont delle imprese aderenti di dare vita ad un assetto dei rispettivi rapporti secondo il quale all’adempimento dei debiti indennitari gravanti sulla compagnia del responsabile civile deve provvedere quella del danneggiato. La C.A.R.D. si limita a definire la disciplina integrativa di una sistemazione di interessi predeterminata dalla legge in modo inderogabile. E’ l’art. 149 C.A.D. e non la C.A.R.D. ad assegnare alla compagnia del danneggiato il ruolo di sostituto della compagnia del responsabile civile nell’adempimento dell’obbligo di liquidare l’indennizzo al danneggiato. La convenzione interassicurativa non crea meccanismi di surrogazione soggettiva come quello prefigurato dal Tribunale di Milano, ma, per cos dire, subisce una statuizione in tal senso imposta della legge, limitandosi a definire il modus in cui la statuizione deve operare nell’ambito dei rapporti fra le imprese chiamate ad attuarla.

Ne segue che, quando il danneggiato conviene in giudizio l’assicuratore del responsabile civile, un intervento litisconsortile dell’impresa assicuratrice del danneggiato non sembra trovare giustificazione sulla scorta della C.A.R.D., dato che questa non attribuisce all’impresa del danneggiato alcuna veste di soggetto delegato dell’assicuratore del responsabile civile (o meglio, di accollante in favore di questi). E’ l’art. 149 CAP a disporre che la compagnia del danneggiato liquidi l’indennizzo in luogo dell’assicuratore del responsabile civile ed a definire i modi ed i limiti entro cui quella surrogazione soggettiva opera.

Ergo, se il comma 6 dell’art. 149 C.A.P. dispone (conformemente all’interpretazione datane dalla Consulta) che spetta al danneggiato scegliere la compagnia contro cui agire in caso di esito negativo della procedura stragiudiziale prevista dal comma 1, la compagnia del danneggiato, ove non sia stata convenuta, non pu entrare spontaneamente nel giudizio accanto all’assicuratore del responsabile civile, giacch l’art. 149 C.A.P., conclusasi con esito negativo la fase stragiudiziale, dispone che il ruolo di interposto al debitore, assegnato alla compagnia del danneggiato nella fase stragiudiziale, viene meno nella fase giudiziale, salvo che il danneggiato (e solo lui) non decida di mantenerlo in vita citando la propria impresa assicuratrice anzich quella del responsabile civile.

B) Sulla possibilit del danneggiato di chiedere l’indennizzo all’assicurazione del responsabile civile anzich alla propria.

Problematica appare anche la possibilit di concordare con la soluzione data dal giudice de quo alla questione relativa alla possibilit del danneggiato, durante la fase stragiudiziale, di rivolgere la richiesta d’indennizzo non alla propria assicurazione ma a quella del responsabile civile.

Il giudice milanese ha definito la questione in senso affermativo attraverso un percorso argomentativo che si snoda dalla premessa fondante che la sentenza interpretativa della Corte costituzionale, bench si riferisca alla sola fase giudiziale della vicenda indennitaria, disciplinata dal comma 6 dell’art. 149 C.A.P., debba valere anche per l’anteriore fase stragiudiziale: il danneggiato, cos come non pu ritenersi costretto ad agire solo contro il proprio assicuratore, non pu neppure ritenersi costretto, nel pregresso stadio della procedura stragiudiziale, a rivolgere la richiesta d’indennizzo unicamente a quel medesimo soggetto, dovendosi interpretare il comma 1 dell’art. 149 CA.P. in modo analogo al comma 6 , ossia nel senso che al danneggiato consentito dirigere la richiesta d’indennizzo anche oppure unicamente all’assicuratore del responsabile civile.

Dunque, nell’assunto del Tribunale di che trattasi, la sostituzione dell’assicuratore del danneggiato a quello del responsabile civile nel ruolo di soggetto tenuto a soddisfare la pretesa intennitaria del danneggiato non avrebbe in alcun caso portata cogente ed inderogabile per la vittima del sinistro: a questa occorre riconoscere, sempre e comunque, la facolt di rivolgere, non solo nella fase giudiziale ma anche in quella stragiudiziale, la relativa pretesa d’indennizzo anche o solo all’impresa assicuratrice del responsabile civile.

Ma a questo proposito, va osservato che la Corte costituzionale, nello scrutinare la conformit alla Legge fondamentale del comma 6 dell’art. 149 C.A.P., ha potuto statuire che la norma va interpretata nel senso di attribuire al danneggiato la facolt e non l’obbligo di agire in giudizio contro la propria assicurazione solo grazie al fatto che il dato testuale della disposizione legislativa si presta sia pure con una certa forzatura ad essere inteso secondo pi significati, uno solo dei quali appare conforme a Costituzione (quello che, per l’appunto, consente di affermare che la norma non obbliga il danneggiato ad agire contro la propria assicurazione).

Invero, secondo tale previsione legislativa, << il danneggiato "pu’ proporre l’azione diretta di cui all’articolo 145, comma 2, nei soli confronti della propria impresa di assicurazione>>: la proposizione, invero, pu essere intesa in due modi, ossia nel significato che il danneggiato "pu" proporre l’azione solo nei confronti della propria assicurazione oppure che "pu" proporla anche solo nei confronti della propria assicurazione, essendo in sua facolt proporla contro l’assicurazione del responsabile civile (ad onor del vero, questa seconda lettura, ritenuta costituzionalmente compatibile dalla Corte costituzionale, non esente da profili di criticit, dato che nel testo della disposizione manca la congiunzione "anche", la cui presenza sarebbe indispensabile per attribuire alla previsione normativa il diverso significato che la legittima sul piano costituzionale).

Il primo comma dell’art. 149 C.A.P., nel disporre che << i danneggiati "devono’ rivolgere la richiesta di risarcimento all’impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato>>, non si presta ad una analoga opzione interpretativa, essendo la norma inequivocabile nello stabilire che, nella fase stragiudiziale della trattativa per la liquidazione dell’indennizzo, il danneggiato non ha altri interlocutori se non la propria compagnia assicurativa . Manca, nel primo comma, un dato testuale polisenso che autorizzi ad interpretarne il disposto diversamente dal suo unico ed inequivocabile significato preclusivo di ogni facolt del danneggiato di rivolgersi ad altri che al proprio assicuratore.

Dunque, a differenza del sesto comma, il primo non offre il bench minimo appiglio ad una interpretazione alternativa come quella data dal Tribunale di Milano, con la ineludibile conseguenza che al danneggiato, diversamente da quanto ha statuito quel giudice, non consentito rivolgere richieste di indennizzo all’assicurazione del responsabile civile nella fase della trattativa stragiudiziale.

Pertanto, qualora il danneggiato formuli la richiesta d’indennizzo all’assicurazione del responsabile civile e sia da questa invitato a rivolgersi alla propria impresa assicuratrice, la richiesta da considerare tamquam non esset ai fini qualificare in termini di inadempimento la mancata liquidazione dell’indennizzo da parte della compagnia del responsabile civile; analogamente, non responsabile di inadempimento l’assicuratore del danneggiato al quale questi non abbia chiesto l’indennizzo nonostante sia stato invitato a farlo dalla compagnia del responsabile civile.

Downloads File da inviare:
  • TRIBUNALE_DI_MILANO_SENTENZA.doc
  • 47.5 Kb / Word


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33