Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Condono ICI Comune di Lecce
Articolo pubblicato online il 4 novembre 2013

di Studio legale tributario Leo
Stampare logo imprimer

Proroga del termine per il condono ICI (15 Novembre). Rischi e garanzie per il contribuente.

Con deliberazione n.78 del 31 ottobre 2013, il Consiglio Comunale di Lecce ha prorogato il termine previsto per avanzare istanza di definizione agevolata dellICI dal 31 ottobre al 15 novembre 2013.
Il condono ICI permette a tutti i contribuenti di mettersi in regola avanzando apposita istanza al Comune, relativamente a tutti i rapporti pendenti e le violazioni previste dal regolamento, commesse fino al 31/12/2012, relative alle annualit 2007 2011. Per la sanatoria, il Comune richiede il versamento dellimposta dovuta e degli interessi ma con esclusione delle sanzioni.
Tuttavia si deve precisare che il contribuente, avanzando domanda di condono, potrebbe anche correre dei rischi. Vediamo di cosa si tratta.
Il regolamento stato adottato in applicazione dellart. 13 L. 289 del 27/12/2002 e tale norma potrebbe persino delegittimare il Comune del potere di regolamentare le entrate tributarie mediante condoni.
Come noto, gi nel 2012, il Comune di Lecce aveva approvato il regolamento per la definizione agevolata della TARSU ex art. 13 L. 289/2002, poi fortemente criticato perch ritenuto illegittimo alla luce della sentenza della Corte Suprema di Cassazione n. 12679 del 30.05.2012 e sulla base di due deliberazione della Corte dei Conti, la n. 4/PAR/2010 del 13 gennaio 2010 e la n. 47/2012/SS.RR./PAR del 18 settembre 2012.
La Cassazione ha sostenuto che lart. 13 L. 289/2002 attribuiva al Comune il potere di disporre la definizione agevolata alla presenza di due presupposti: che si trattasse di obblighi tributari precedenti lentrata in vigore della legge in questione (la L. 289/2002 entrata in vigore il 1.01.2003) e che a tale data la procedura di accertamento o i procedimenti contenziosi in sede giurisdizionale fossero gi instaurati.
Da questa interpretazione consegue che il potere dei Comuni, esercitato oltre il termine previsto dalla legge statale autorizzativa, determina la carenza del potere medesimo e la conseguente eventuale disapplicazione da parte del giudice dellatto assunto in violazione della norma.
Pertanto chiaro ed evidente il rischio a cui il contribuente potrebbe incorrere considerato che, laddove il condono dovesse ritenersi illegittimo, potrebbe anche essere disapplicato.
Dunque, il contribuente che abbia presentato o che presenti domanda di condono, nel caso di disapplicazione dello stesso, potrebbe vedersi addebitate anche le relative sanzioni che invece sono escluse dal condono.
A fronte del rischio di vedersi addebitate anche le sanzioni si deve evidenziare che il contribuente troverebbe nellordinamento tributario una opportuna garanzia.
Infatti, agendo in giudizio, farebbe valere il proprio diritto al legittimo affidamento, eccependo la violazione dellart. 10 dello Statuto del contribuente (L. 212/2000) il quale detta le regole per la tutela del contribuente disponendo che i rapporti tra contribuente ed amministrazione sono improntanti al principio della collaborazione e della buona fede.
Lo statuto del contribuente rappresenta un ineludibile punto di riferimento nella disciplina dei rapporti tra Amministrazione finanziaria e singolo contribuente, pertanto sulla scorta dellarticolo succitato evidente che lUfficio non pu far rivivere in capo al contribuente un debito ormai estinto mediante condono.
A tal proposito si evidenzia che la giurisprudenza tributaria ha statuito che il comportamento di un contribuente che, aderendo alla procedura di condono, agisce con correttezza, collaborazione e buona fede, merita di essere tutelato.
LAmministrazione finanziaria, in presenza di condono al quale ha aderito il contribuente, non pu ritornare sui propri passi e ritenere invalido lo stesso condono e richiedere somme ulteriori a quelle pagate.
Concludendo, ci significa che il contribuente dovrebbe ritenersi tutelato nel caso di adesione al condono, ma non immune da rischi, dal principio assolutamente inviolabile del legittimo affidamento nellattivit posta in essere dallAmministrazione.

Lecce, 4 novembre 2013 Avv. Leonardo Leo



Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33