Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

La Commissione Tributaria Provinciale di Lecce annulla totalmente la somma richiesta da Equitalia
Articolo pubblicato online il 10 giugno 2015

di Studio legale tributario Leo
Stampare logo imprimer

Il caso

Un contribuente recatosi presso Equitaia per il pagamento di alcune rate, apprende, con molto stupore, di avere un debito dei circa 80.000,00.
Peccato che le cartelle di pagamento che Equitalia avrebbe dovuto notificare non sia mai giunte allo stesso contribuente.
Pertanto, per il tramite degli avvocati trobutaristi Maria e Leonardo Leo, decide di impugnare il debito presso la Commissione Tributaria Provinciale di Lecce.

La sentenza

La Commissione Tributaria Provinciale di Lecce, con un importante sentenza del 19 maggio 2015, ha annullato totalmente la pretesa avanzata da Equitalia per diversi importanti motivi.
Nello specifico i Giudici della Commissione hanno accettato le richieste formulate dagli Avvocati Tributaristi Maria e Leonardo Leo.
Gli avvocati Leo, infatti, tra le varie eccezioni avanzate in giudizio, sostenevano in primis la illegittimità della pretesa per mancata notifica delle cartelle di pagamento e, in secondo luogo, la nullità del ruolo formato dall’Agenzia delle Entrate per mancanza di sottoscrizione da parte del Direttore Provinciale (ricordiamo che il ruolo è l’elenco dei debitori che l’Agenzia delle Entrate forma e inoltra a Equitalia per la riscossione coattiva).
Ebbene, nell’ambito del giudizio svoltosi dinanzi la Commissione Tributaria, Equitalia non ha dato la prova nè dell’avvenuta notifica delle cartelle di pagamento presso la residenza del contribuente, nè della sottoscrizione del ruolo da parte del Dirigente dell’Ufficio.
Pertanto, rimanendo indimostrata la sussistenza di tali elementi, la Commissione ha annullato totalmente la somma richiesta da Equitalia.
Questa sentenza, emessa per la prima a volta a Lecce, rappresenta senza dubbio un importante riconoscimento dei diritti del cittadino e una chiara chiamata all’osservanza delle norme da parte dell’Amministrazione Finanziaria.

PDF - 138.2 Kb
Il testo integrale della sentenza


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33