Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Cookies e siti WEB nel 2016
Articolo pubblicato online il 14 marzo 2016

di amassa
Stampare logo imprimer

Sono passati ormai più di 9 mesi dall’ultima novità relativa ai cookies, la loro informativa e i relativi obblighi nei confronti di possessori del sito WEB.

Di fatto, per motivi di privacy e tutela dei dati, ora ogni navigatore, visitatore o utente che visita una determinata pagina di un dato sito possiede il diritto di poter decidere se acconsentire o meno a determinati cookies. Non tutti i detentori di siti WEB sono vincolati a richiedere l’autorizzazione, o consenso, da parte dei visitatori. Tutti sono obbligati a segnalarli nell’informativa, e solo in alcuni casi anche a notificarli al Garante.

L’unico caso in cui si è esentati dall’inserimento di una pagina con l’informativa sui cookies, che deve essere raggiungibile da ogni parte del sito, è quello in cui il sito stesso non presenti tali cookies. Viceversa, questi cookie andranno dichiarati in tale informativa. Il banner è obbligatorio se si utilizzano cookie analitici di terze parti, di profilazione di terze parti o di profilazione di prima parte. La segnalazione al garante è invece obbligatoria solo nel caso di profilazione di prima parte e con cookie analitici di terze parti.

Cosa è cambiato a quasi un anno di distanza?
Di fatto, in molti non si sono adattati a tale norma, i più hanno semplicemente inserito un banner che chiede l’autorizzazione ma che però non riesce a bloccare tutti i cookie che andrebbero bloccati qualora l’utente non dia il consenso. Alcuni addirittura non hanno nemmeno inserito l’informativa.

In ogni caso, appare evidente come tale norma tocchi più da vicino le grandi casi editrici piuttosto che il piccolo imprenditore. Salvo quindi segnalazioni specifiche, non si ha ad oggi notizia di controlli a tappeto da parte del Garante, che nel caso dovrebbe comunque vagliare migliaia se non milioni di siti, operazione di fatto non praticabile.

Si tratta tuttavia di una norma complessa che rientra nella sfera del diritto internet che, se non adempiuta, può portare al pagamento di multe molto elevate. Sta perciò al singolo proprietario del sito valutare se correre il rischio o se, operazione consigliata, informarsi per capire come e in che modo adattare le proprie pagine WEB alla normativa vigente.



Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33