Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Doppio punteggio: la giustizia deve essere il pi possibile indolore per tutti
Articolo pubblicato online il 5 febbraio 2007

di Francesco Pagano
Stampare logo imprimer

Doppio punteggio: questa giustizia deve essere il pi possibile indolore per tutti
La sentenza pronunciata dalla Corte Costituzionale in merito all’attribuzione del doppio punteggio per il servizio prestato nelle scuole
dei Comuni di montagna, se da una parte ripristina uno stato di giustizia, dall’altra genera una problematica complessa, se si tiene conto dei molteplici casi di docenti immessi in ruolo proprio in virt del predetto doppio punteggio e che ora rischiano di perdere il ruolo, non per colpa loro ma di una legge sbagliata ed iniqua.
Del resto non si pu pensare di disattendere le giuste aspettative di quei docenti che, scavalcati dai loro colleghi "di montagna", hanno ritardato o perso la possibilit di accedere al ruolo.
Non si pu non fare giustizia! Ma questa giustizia deve essere il pi possibile indolore per tutti.
Per questo proponiamo:

- Un decreto legge che confermi ruoli e supplenze gi assegnati;
- Immissione in ruolo giuridica ed eventuale risarcimento per chi pu dimostrare di essere stato "illegalmente" scavalcato e di aver, per questo, perso il ruolo;
- Ripulitura integrale delle graduatorie permanenti dai doppi punteggi in tutte le province italiane a partite dal 2003, poich non accettabile quanto accade in alcune province siciliane (vedi Catania ed Enna) dove, in seguito alle sentenze del TAR, il doppio punteggio stato tolto soltanto a quanti sono stati oggetto di ricorso "ad personam".

Silvia Faraci



Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33